Ocse,crescita stabile Italia e Eurozona

Il superindice dell’Ocse, che offre una possibile interpretazione delle evoluzioni economiche attese per il futuro, segnala una “dinamica di crescita” in alcune grandi economie avanzate della zona Ocse, come Germania, Usa, Canada e Francia. In Italia, come nell’area dell’euro e nell’area dell’Ocse, il CLI (Composite Leading Indicator) segna invece una “dinamica di crescita stabile”. Nel Regno Unito, si intravedono i segni di una “dinamica di crescita”. E tuttavia – sottolinea l’organismo internazionale con sede a Parigi – il superindice rimane “al di sotto del trend” e “persistono incertezze rispetto alla natura dell’accordo che Londra concluderà eventualmente con l’Unione europea”. Tra le economie emergenti, l’Ocse prefigura una “dinamica di crescita” in Cina, Brasile e Russia.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.