Il maltempo paralizza l’Europa

Venti forti, neve, ghiaccio e acqua alta. La Gran Bretagna è stata colpita da una forte tempesta che ha spinto le autorità a lanciare una serie di allarmi inondazioni lungo tutta la costa orientale inglese e ad evacuare, al momento, il villaggio di Jaywick, nonostante molte famiglie si rifiutino di lasciare la loro abitazioni temendo casi di sciacallaggio, e alcune zone della città di Great Yarmouth. Secondo il sito della Bbc, sono migliaia le case che rischiano di venir allagate. Le zone dove l’allarme è più alto sono le coste del Norfolk, Suffolk ed Essex, mentre gran parte del nord Inghilterra e della Scozia è stata imbiancata dalla neve causando una serie di disagi ai trasporti, con strade bloccate e incidenti automobilistici di lieve entità.

Circa 180 passeggeri sono rimasti bloccati tutta la notte a bordo del treno ad alta velocità Thalys proveniente da Bruxelles e diretto a Parigi, a causa di una tempesta che ha colpito il nord della Francia. Lo rende noto la società ferroviaria. I viaggiatori sono stati trasferiti a Parigi, in mattinata, a bordo di un Tgv con dieci ore di ritardo, e dopo aver affrontato due incidenti sul suo percorso: un problema di alimentazione elettrica prima ed un albero caduto che ha danneggiato i pantografi dopo.

La tempesta Egon, dalla notte scorsa, sta bloccando la Germania con forti precipitazioni di neve, e ha già provocato degli incidenti stradali, con alcuni feriti nel Paese. Particolarmente colpite le regioni occidentali. L’aeroporto di Francoforte ha già cancellato 120 voli, e ulteriori misure, nel corso della giornata, non sono escluse. Anche le ferrovie tedesche hanno preso provvedimenti, per evitare danni: la Deutsche Bahn ha limitato la velocità dei treni a 200 km orari, il che ha causato ritardi e disagi agli utenti. Una parte della Baviera è rimasta senza corrente elettrica. Il forte vento e la neve hanno provocato incidenti sulle strade, con diversi feriti. Ieri gli esperti avevano messo in guardia da Egon, consigliando ai tedeschi di viaggiare soltanto se necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.