Migranti:Oxfam,inaccettabile ordine Trump,Italia dia esempio

(ANSA) – ROMA, 2 FEB – Le prime vittime dell’ordine esecutivoemesso dal presidente Donald Trump, che blocca per 4 mesil’ingresso di rifugiati negli Usa, sono decine di migliaia diuomini, donne e bambini, tra i più vulnerabili al mondo, in fugada guerra e persecuzioni: oltre 20 mila secondo le stime dell’Unhcr, in prevalenza siriani, che subiranno gli effettiimmediati della chiusura delle frontiere americane. E’ quantodenuncia Oxfam, che condanna nettamente il provvedimento elancia un appello al Governo italiano, affinché si esprimapubblicamente chiedendo l’annullamento del provvedimento all’amministrazione statunitense.

In una lettera inviata oggi al presidente del ConsiglioGentiloni, Oxfam chiede al Governo italiano di lanciare unsegnale di apertura e condivisione di responsabilità allacomunità internazionale, offrendosi di accogliere una quota diquei rifugiati che nei prossimi mesi non potranno trovareun’accoglienza sicura negli Stati Uniti. Oxfam inoltre chiede alGoverno italiano di accelerare i tempi per il reinsediamento ditutti i rifugiati che il nostro paese si è impegnato adaccogliere: ad oggi solo un terzo di questi è effettivamentearrivato sul nostro territorio.

Infine, alla vigilia dell’incontro informale tra capi distato e di governo, che si terrà domani a Malta, Oxfam chiede alGoverno italiano che la discussione sulle proposte dicooperazione con la Libia metta al centro “la necessità dimigliorare le condizioni di vita in quel territorio e lanecessità di proteggere i migranti, non quella di bloccare illoro arrivo in Europa. L’ultima cosa di cui avremmo bisogno è unpiano con il quale i leader europei si impegnano a finanziare leautorità libiche, in un paese in pieno conflitto, per delegareloro il controllo dei confini esterni del continente”. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *