Padoan, nessuna manovra estemporanea, protetta crescita

 “Nell’ambito del lavoro di definizione della politica economica di medio periodo, e quindi in vista del Def, il Governo prenderà tra l’altro provvedimenti di contrasto all’evasione fiscale in continuità con quelli già adottati nel recente passato, estendendone la portata, e di riduzione della spesa, anche grazie alla nuova modalità di costruzione del bilancio dello Stato”. Lo afferma il Mef comunicando l’invio a Bruxelles della lettera corredata dal Rapporto sui fattori rilevanti che influenzano la dinamica del debito.

Il governo intende continuare sulla strada di un consolidamento dei conti “favorevole alla crescita e delle riforme strutturali. Un ritmo di aggiustamento eccessivamente accelerato danneggerebbe l’economia in un momento di accresciuta incertezza geopolitica ed economica a livello globale”: lo afferma il Mef nella lettera inviata a Bruxelles.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *