Politici spiati: restano in carcere i fratelli Occhionero

Restano in carcere Giulio e Francesca Occhionero, arrestati tre settimane fa per cyberspionaggio nell’ambito di un’inchiesta della procura di Roma. Lo ha deciso il tribunale del riesame che ha respinto i ricorsi presentati dai due indagati per sollecitare la revoca delle ordinanze di custodia cautelare.

Gli avvocati Stefano Parretta e Roberto Bottacchiari avevano motivato il ricorso ai giudici competenti sulla legittimità delle misure restrittive con “la carenza degli indizi di colpevolezza” e, conseguentemente, con “l’insussistenza delle esigenze cautelari”. Parere contrario alle scarcerazioni era stato espresso dal pm Eugenio Albamonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *