Olimpiadi invernali: skeleton, da Ghana a Olimpiadi grazie a fondi coreani

Si è lanciato nel budello di ghiaccio e ha affrontato con qualche incertezza il percorso fino al traguardo. Seppur eliminato al primo turno, lo slittinista ghanese Akwasi Frimpong del Ghana è stato protagonista della gara di skeleton dei Giochi Olimpici di Pyeongchang. Gara vinta dal coreano Yun Sungbin (primo asiatico a vincere una medaglia nella storia della competizione olimpica), davanti al russo senza bandiera Nikita Tregubov e al britannico Dom Parsons. Unico rappresentante del paese dell’Africa occidentale, è riuscito ad essere al via della competizione all’Olympic sliding centre grazie ad una compagnia finanziaria, guidata da un sudcoreano, che ha donato circa 21.000 dollari al Comitato Olimpico del Ghana per sostenere la spedizione a Pyeongchang. “Il popolo della Corea è fantastico -ha detto l’atleta ghanese- e grazie a loro sono riuscito a trasformare il mio sogno in realtà. Hanno tifato per me, urlavano ‘Frimpong let’s go’, sono stati incredibili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *