Attacco di Melbourne, è terrorismo

E’ morto in ospedale l’uomo che ha aggredito oggi a coltellate tre passanti a Melbourne uccidendone uno e ferendo gli altri due: lo ha reso noto la polizia, riporta il Guardian. L’uomo aveva cercato di aggredire anche un poliziotto ma era stato raggiunto al petto da un proiettile sparato dalla polizia. La polizia australiana sta trattando l’attacco come un atto terroristico. Sull’auto dell’uomo sono state trovate bombole di gas. Come è noto, l’uomo ha dato alla fiamme il veicolo – un pick up – prima di aggredire i passanti.

L’aggressore di Melbourne prima di essere ucciso dalla polizia gridava “Allahu Akbar” (Dio è il più grande): lo ha reso noto un testimone oculare, secondo quanto scrive il Daily Mail. L’uomo, riporta inoltre il tabloid britannico, era un terrorista somalo noto alle agenzie anti-terrorismo australiane a livello statale e nazionale e avrebbe avuto legami con gruppi estremisti nordafricani.

L’Isis, tramite la sua agenzia Amaq, ha rivendicato l’attacco di oggi a Melbourne, in Australia. L’accoltellatore, secondo l’agenzia, era uno dei “combattenti” dello Stato islamico.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *