Conte a Bruxelles: ‘Patto su migranti e crescita’

Giro di incontri a Bruxelles per il premier Giuseppe Conte dopo l’ok alla fiducia di ieri al Senato. “Abbiamo bisogno di un po’ di tempo – ha detto facendo un punto stampa dopo i faccia a faccia con Von Der Leyen, Juncker e Tusk – per fare l’Italia digitale, dobbiamo ri-orientare il sistema industriale verso la green economy, dobbiamo fare investimenti che ci consentano di orientare lo sviluppo verso una maggiore occupazione e vogliamo in modo trasparente fare un patto con Ue su questo che è il nostro programma“. Il premier ha anche fatto sapere che entro domani verrà comunicata la lista dei sottosegretari.

“Chi non parteciperà” alla ripartizione dei migranti a livello europeo “ne risentirà molto, in misura consistente, sul piano finanziario“, ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte dopo l’incontro avuto con il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk. Per Conte, inoltre, il meccanismo dei rimpatri deve essere gestito a livello europeo.

“Il nostro obiettivo è la riduzione del debito, non stiamo dicendo che non vogliamo i conti in ordine ma lo vogliamo fare attraverso una crescita ragionata e investimenti produttivi“. “Consentiteci di realizzare questi investimenti e per un po’ di tempo lasciateci realizzare questo progetto”, ha detto Conte riassumendo il contenuto del suo confronto con i vertici delle istituzioni Ue.

Conte ha incontrato “L’Italia oggi è più forte, e con il nuovo Governo intendiamo svolgere un ruolo di primo piano in questa fase di rinnovamento dell’Unione europea. La mia determinazione è massima e confido di poter riscontrare un elevato grado di convergenza con la nuova Commissione europea”. Così il premier Giuseppe Conte, su fb, alla vigilia di una serie di incontri oggi a Bruxelles.

“Subito al lavoro: oggi sarò a Bruxelles dove si prospetta una giornata fitta di incontri con i vertici delle Istituzioni comunitarie. In Ue non abbiamo tempo da perdere, ritengo sia prioritario accelerare per raggiungere 3 obiettivi fondamentali e per l’Italia e gli interessi degli italiani: la modifica del Patto di stabilità a favore della crescita, il superamento del Regolamento di Dublino, un regime interventi straordinari che favoriscano la crescita e lo sviluppo del nostro Mezzogiorno”. Così Conte su fb.

“Occorre sostenere gli investimenti, a partire da quelli ambientali e sociali nell’ottica di uno sviluppo sostenibile che dia nuovo impulso al mercato del lavoro italiano, evitando un’impostazione di bilancio pro-ciclica non adeguata alle prospettive economiche del continente”, afferma Conte rivendicando un “ruolo di primo piano” che l’Italia svolgerà in Ue.

Von der Leyen, ecco la mia squadra. Gentiloni agli Affari economici<br

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *