Decreto PNRR: rinviata al 15 luglio 2022 l’entrata in vigore del Codice della crisi d’impresa

Nella settimana in cui è stata pubblicata in G.U. la L. 28/2022 di conversione, con modificazioni, del D.L. 25 febbraio 2022, n. 14, recante disposizioni urgenti sulla crisi in Ucraina, il CdM ha approvato il D.L. con ulteriori misure urgenti per l’attuazione del PNRR: slitta al 15 luglio 2022 l’entrata in vigore del CCII. Concluso l’esame della riforma dell’ordinamento giudiziario da parte della Commissione Giustizia della Camera.

Sì all’adozione in casi particolari anche se la minore ha rapporti con il padre biologico

La Corte d’appello di Bologna, identificando nella morte del padre biologico o nella decadenza dalla responsabilità o palese disinteresse dello stesso i presupposti dell’adozione in casi particolari ad opera del coniuge della madre, la nega al richiedente, per la persistenza di un valido rapporto tra il padre e la minore e per la non praticabilità di una responsabilità genitoriale divisa tra tre persone. L’interessato ricorre, rilevando che la responsabilità genitoriale competerebbe solo alla madre e all’adottante e che il padre biologico conserverebbe una mera funzione di controllo, nonché affermando che il principio sulla base del quale l’adozione deve o meno essere disposta consiste nella realizzazione dell’interesse del minore, che nel caso concreto risulta dagli atti. Infine, afferma la contraddittorietà della motivazione della sentenza oggetto di gravame. La Corte di legittimità, ritenuti fondati i motivi, accoglie il ricorso, affermando che l’idea che il minore possa avere una sola famiglia è smentita dalla riforma della filiazione (Cassazione civile, sez. I, ordinanza 5 aprile 2022, n. 10989).