Concerto Fenice saluta da Venezia 2018

E’ ancora una volta la Fenice di Venezia a dare dall’Italia il saluto in musica al mondo per il nuovo anno. Un successo anche l’edizione 2018 – la 15/a, da quando Venezia e la Rai decisero di festeggiare la rinascita del teatro, nel 2003 – che ha visto protagonista il melodramma italiano, questa volta con una connotazione più veneziana. Nel programma, infatti, tante opere e compositori che con la città lagunare hanno avuto un legame speciale: dall”Otello’ (Il Moro di Venezia) e la ‘Traviata’ di Giuseppe Verdi (la cui prima andò in scena alla Fenice nel marzo 1853), all”Italiana in Algeri’ di Rossini, cui Venezia diede i natali come compositore.

Come ogni anno, non è mancata alla vigilia la scintilla della rivalità tra Venezia e Vienna, da quando la Fenice è diventata la ‘prima scelta’ del Capodanno per la Rai, e il concerto dei Wiener Philharmoniker diretti da Riccardo Muti è finito in diretta-differita su Rai2. Una scelta che il grande maestro italiano ha mostrato di non apprezzare – “Ognuno è libero di fare ciò che vuole, alla Rai ritengono che sia giusto così” aveva detto Muti. Al quale aveva risposto, garbatamente, e con un pizzico di malizia, il nuovo sovrintendente di Venezia, Fortunato Ortombina: “Quando il maestro Muti vorrà venire a dirigere il nostro Concerto di Capodanno sarà ben accetto e potrà così andare in diretta su Rai1”.

Per il 2018 la Fenice ha deciso di affidare la bacchetta a Myung-Whun Chung, grande maestro coreano che dirigeva per la prima volta a Capodanno, ma è un habituè del palcoscenico lagunare, dove ha diretto nel 2016 la ‘Madame Butterfly’. Ad arricchire il programma il tenore Michael Fabiano, italo-americano notissimo al Metropolitan, e la soprano Maria Agresta, una delle voci più belle del panorama lirico italiano.

Non solo canto, ma anche balletto, con i ‘quadri’ proposti dal corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma, e le etoile Eleonora Abbagnato e Benjamin Pech, che nella diretta della seconda parte del concerto, proposta da Rai1, hanno danzato sullo sfondo di straordinarie cartoline veneziane, palazzi, musei e scorci del centro storico.

Il programma musicale è stato come sempre diviso in due parti: una prima esclusivamente orchestrale, con l’esecuzione della Sinfonia n. 9 in mi minore op. 95 “Dal nuovo mondo” di Antonín Dvořák e una seconda parte dedicata al melodramma, con una carrellata di arie, passi corali e ouverture dal repertorio operistico più amato, da Gioachino Rossini a Georges Bizetm, da Giacomo Puccini, a Giuseppe Verdi, cui è spettato – per tradizione – il gran finale: il “Va’ Pensiero” del Nabucco, e il “Libiam ne’ lieti calici”, con tanto di imprescindibile bis.

“Questo è il teatro più bello del mondo, nella città più bella del mondo” ha detto nell’indirizzo di saluto al pubblico il maestro Chung, definendo l’Italia “il centro mondiale del canto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *